lunedì 2 maggio 2016

Gulasch di soia


 
Avevo dei pregiudizi nell'usare la soia per il gulasch ma, avendo un figlio vegetariano, ho abbracciato per amore, uno stile di vita a me sconosciuto. Dal ragù allo spezzatino, al gulasch e alle polpette. Un gusto piacevole e molto simile alla carne; e per gli onnivori come me, alternare alla carne diverse altre fonti proteiche è stato un aspetto non da poco; aggiungiamo che è salutare oltre che nutriente. E' stato apprezzato anche dagli altri componenti della famiglia che definire onnivori è riduttivo: carnivori "preistorici" è la corretta definizione.


martedì 26 aprile 2016

Zuppa di zucca e porro

Mi dirigo verso la cantina-dispensa, quando sento una vocina che chiama; mi avvicino e vedo l'ultima zucca dimenticata. Penso subito a cosa farne nel caso fosse ancora salvabile. Quindi non perdo tempo e la taglio: fortunatamente è perfetta! Qui da noi, in Friuli, la temperatura non è ancora così mite; è quindi adatta ad una zuppa, (io la mangerei anche d'estate). Non ci penso su. Aprendo il frigo trovo il provolone dolce che avevo comperato per un'altra preparazione; lo uso, assieme a dei porri che avevo da consumare. Insomma diciamo che è nata una ricetta dopo una congiunzione astrale positiva.


martedì 19 aprile 2016

Ossibuchi alla "quasi" milanese


"Questo è un piatto che bisogna lasciarlo fare ai Milanesi, essendo una specialità della cucina lombarda". Così esordisce Pellegrino Artusi tentando di spiegare la ricetta e continua:"Intendo quindi descriverlo senza pretensione alcuna, nel timore di essere canzonato. Penso: se l'Artusi non si sente in grado di riprodurre alla perfezione la ricetta, chi sono io per essere sicura che sia quella giusta? Inoltre, fino a qui, non ho seguito alla lettera alcuna ricetta, rielaborando sempre a modo mio. Devo convenire che sono stati molto apprezzati. Li ho accompagnati con due contorni: un semplice purè di patate e delle verze ripassate in padella. Annaffiati con un buon merlot del Friuli.