venerdì 21 dicembre 2012

Auguri

Speravo di riuscire a postare ancora qualcosa prima di Natale, ma il tempo mi rema contro...perciò... auguro a tutti   
Buon Natale
(foto presa dal web)


e...a prestissimooo!!!


venerdì 14 dicembre 2012

Swap di Annamaria



Per la seconda volta ho aderito con piacere allo swap di Annamaria.
Il destino ;-) mi ha abbinata a Tittina (Concetta). Un destino "avverso", visto che mi ha mandato ogni ben di Dio e sono a dieta. Naturalmente scherzo Concetta...era tutto stra-stra-buonissimo; i calcionetti (per chi non lo sapesse, sono quei dolcetti in primo piano, fatti con i ceci) sono stati molto apprezzati, visto che sono finiti in un batter di ciglio, e io, cara Concetta...aspetto la ricetta. I ceci, saranno i prossimi a sparire nella pasta e ceci. Le confetture sono un delirio di bontà. Ci siamo già sentite al telefono e spero di diventarne amica. Mi piacciono questi abbinamenti e come ho avuto più volte modo di dirlo, amo molto l'italian fusion; Abruzzo-Friuli. L'Aquila-Udine.





Torrone, confettura di uva e di prugne. I ceci coltivati dal marito di Tittina, il farro.
...Di nuovo grazie...
Auguro a tutti un buon fine settimana


lunedì 10 dicembre 2012

Cotolette di gamberi

 

Ricetta "pescata" su La cucina italiana di settembre 2012. Questa fa parte delle prove per il pranzo di Natale. Ho cambiato qualche ingrediente: il fungo porcino con una fetta di fungo coltivato, olio extravergine per friggere con olio di arachide. Il risultato è stato più che soddisfacente, tanto che questo piatto sarà uno degli antipasti.
Come antipasto servirei una cotoletta a testa (2 code di gambero) considerando che le mie code di gambero erano piuttosto grandi.



giovedì 6 dicembre 2012

Quanti modi di fare e rifare... i mostaccioli






Come il solito arrivo sempre trafelata nella cucina prescelta dalla cuochina e dalle sue ideatrici: Ornella e Anna. Questo mese siamo nella cucina di Vichy per preparare un dolce natalizio di origine napoletana. Come dicevo: faccio tutto all'ultimo momento, mannaggia; questi dolcetti li avrei rifatti, prima di fotografarli (li avrei senza dubbio migliorati nell'aspetto). Ho fotografato anche il "paciugo" che ho fatto mentre li glassavo, e ho ritratto anche l'uomo di casa mentre faceva l'artista, non avendo lo stampino romboidale. Però, ragazzi, questi dolci sono una goduria.
Devo congratularmi con la "cuochina" per la scelta delle ricette mensili. Premetto che questa ricetta, per diversi motivi, mi aveva lasciato un pochino perplessa, ma poi ho fatto le mie modifiche, e a parte qualche "pastrocchio", tutto, poi, è filato liscio. Metto i miei ingredienti, il mio procedimento e per l'originale Qui. Premetto che i miei mostaccioli sono glutinosi.



lunedì 3 dicembre 2012

Riso nero con topinambur


Questa ricetta dovevo postarla lo scorso anno, ma per i soliti motivi (vecchiaia, la fretta cattiva consigliera e, probabilmente, un inizio di alzheimer) ho cancellato le foto; ho aspettato nuovamente la stagionalità dei topinambur e, nella speranza di non combinare nuovamente dei danni, eccoci qua! Questo riso, me l'ha portato da Alessandria mia nuora (piemontese), perciò niente di esotico, anzi: italianissimo, molto profumato e buonissimo. I topinambur sono dei tuberi particolari; hanno il sapore del carciofo e la consistenza della patata.



martedì 27 novembre 2012

Pane alla zucca





Dopo molto tempo ho rifatto il pane con la zucca; ne era trascorso così tanto che, oltre a non ricordarmi gli ingredienti e il procedimento, non trovavo nemmeno il foglietto dove era segnata la ricetta. Non ci crederete: in una settimana l'ho fatto già 2 volte. Mio figlio dice che è meglio di una brioche (soprattutto servito ancora caldo). Ora la "inchiodo" qui, sperando di non perdere nuovamente la ricetta (tra l'altro, questo è il motivo per cui ho creato il blog...;-)...). Premetto che questa ricetta l'ho creata anni fa, dopo innumerevoli di prove. Volevo fare il passo- passo, ma sistemando le foto ne ho cancellate molte...ah la vecchiaia :-(  ... ;-)



giovedì 15 novembre 2012

Rifatte senza glutine... blinis alla zucca e farina di ceci



Sempre sul filo di lana, ma anche questa volta ce l'ho fatta!...:) Sono arrivata trafelata nella cucina di Oxana, trasportata da un profumino delizioso. Questi blinis, sono buonissimi, o meglio, "erano", tanto che dopo qualche ora erano spariti. Devo ammettere che ho avuto qualche difficoltà nella cottura. Dopo averne fatti e buttati un paio, ho capito che bastava seguire un piccolo accorgimento: ogni volta aggiungere un goccio d'olio nel mezzo del padellino e metterci subito sopra un cucchiaio d'impasto. A proposito dell'impasto: a me è servito quasi il doppio della dose d'acqua descritta nella ricetta originale.
 Faccio un copia-incolla della sua ricetta e le mie modifiche (poche) in rosso e tra parentesi.



lunedì 12 novembre 2012

Plumcake salato


Un altro passo verso l'eliminazione delle ricette cartacee...riuscirò a concludere il lavoro fra cent'anni???
Diverse volte ho fatto questa ricetta, proveniente da un sito che non esiste più. Per dirla tutta, ho preso solo l'idea, poi, come spesso mi accade, ho stravolto la ricetta, sia negli ingredienti che nel procedimento. Gli ingredienti, appunto, si possono cambiare; ho messo delle zucchine, a volte broccoli, ecc... Questa volta è andata così.



martedì 6 novembre 2012

Quanti modi di fare e rifare...lasagne di panissa con broccoli




Eccoci nuovamente insieme care ragazze. Oggi siamo nella cucina di Barbara per preparare le lasagne con la farina di ceci, grazie all'iniziativa della Cuochina e delle sue ideatrici Anna e Ornella. Ho modificato, secondo le esigenze della mia famiglia; ho tolto le acciughe per poter servire le lasagne anche al vegetariano (figlio), ho aggiunto uno yogurt alla besciamella, e, visto che sono in Friuli e amando molto l'italian-fusion, ho voluto mettere il montasio al posto del pecorino (ad una ricetta che in realtà mi ricorda la Sardegna e la Liguria). Faccio un copia/incolla della ricetta di Barbara e metto le mie modifiche in rosso e tra parentesi.



venerdì 2 novembre 2012

Pasta e ceci...per inesperti


Ogni tanto mio figlio implora qualche ricetta, eseguita in diretta, tipo scuola di cucina; così, una domenica, ci siamo messi all'opera. Non ridete se metto le foto delle verdure tagliate e quella della densità di inizio cottura della pasta. La richiesta di mio figlio era questa: "...metti la ricetta sul blog, così ce l'ho sempre sotto mano..." (visto che, avendo un mostro di telefonino, può consultare il sito quando vuole). Ora, gli ordini dei figli non si discutono. Devo ammettere che quella che, poi, ha fatto lui e che ho assaggiato era veramente buona; quindi posso affermare che ha avuto una brava maestra!!!...;- Premetto che il peso degli ingredienti non ha grande importanza (nel senso che possono variare di volta in volta)



lunedì 29 ottobre 2012

Pane siciliano delle Simili

Dal libro  "Pane e Roba dolce delle Simili"


Per il mio compleanno, la famiglia ha pensato di regalarmi un "gioiello". Non un diamante qualsiasi ma un kenwood!!!. All'interno di questo gioiello, ce n'erano altri: farine preziose: tra queste un semolato Senatore Capelli, non rimacinata, una farina semi integrale, esattamente questa della foto sotto.




lunedì 15 ottobre 2012

Rifatte senza glutine...Pasta con crema di peperoni





E' arrivato ottobre e siamo nella cucina di Elena per rifare questa pasta...buonissima! Avevo congelato dei peperoni (dell'orto di Liliana - la mia fornitrice ufficiale di verdura), facendolo di proposito per poter riprodurre questa bontà...:-) Volete mettere la differenza di sapore con le verdure di stagione anche se congelate? Ad ogni modo, essendo i miei peperoni congelati, li ho fatti scongelare un pochino e riuscendo poi a pelarli (i miei familiari sono molto esigenti ;-)...). Metto i miei ingredienti e il mio procedimento; per l'originale vi rimando da lei.



mercoledì 10 ottobre 2012

Amor polenta gluten free

 

Un dolce rustico ma molto, e dico, molto, buono. Tempo fa avevo trovato lo stampo; mi piaceva, e così l'ho acquistato. Quale occasione più giusta per utilizzarlo volendo fare il dolce amor polenta (a Varese è un dolce della tradizione). Non ha certo bisogno di presentazioni; per questo vado subito alla ricetta.



sabato 6 ottobre 2012

Palline di semolino di nonna Adele... per quanti modi di fare e rifare


I mesi corrono veloci e, come ogni mese, noi "ragazze" ci ritroviamo nella cucina della "prescelta": una inziativa della cuochina e delle sue ideatrici Anna e Ornella. Oggi siamo state nella cucina delle Apine con una ricetta dell'ape laboriosa. Che dire? Ogni ricetta proposta dalla cuochina è una piacevole sorpresa. Questa era una ricetta estrapolata da un quaderno della nonna. Le nonne, si sa, sono fantastiche (sono un pò partigiana?). Ed eccomi qua con queste palline Buonissime e veloci. Non ho fatto nessuna modifica se non per l'aggiunta di semi di papavero e salvia.



mercoledì 3 ottobre 2012

Baguette facili di Vittorio


Diverse volte ho fatto il pane con la ricetta trovata nel blog di Vittorio e, pur avendo l'impastatrice, ho voluto provare. Sono rimasta soddisfatta (c'era bisogno di dirlo?). Ho cercato di fare il passo-passo del procedimento, ma fotografare e lavorare non dà il massimo dei risultati, per questo, se volete provare e non capite bene i passaggi, vi consiglio di andare da lui. Metto i suoi ingredienti e i miei a lato tra parentesi e in rosso.



venerdì 28 settembre 2012

Gattò di patate svuota-frigo



Da tempo pensavo di fare un gattò di patate; poi, per svariati motivi,  ho sempre rimandato. L'altro giorno non sapevo cosa preparare per cena, ho aperto il frigo, ho studiato un po' gli elementi presenti e ho deciso di preparare il gattò monoporzione. Avevo del purè fatto il giorno prima, perciò abbastanza sodo. Non avendo a cena "il vegetariano" (sembra il titolo di un film...;-)...), ho potuto realizzare una ricetta italian-fusion; dato che in frigo c'era anche del salame piemontese. E' risaputo che questa sia una ricetta campana, ma con salame piemontese, formaggio montasio, scamorza affumicata è uscita appunto una ricetta italian-fusion. In realtà potrebbe essere con ingredienti diversi visto che è una ricetta "svuota frigo". In questo caso metto i miei ingredienti ma potrebbero benissimo essere altri. Ognuno può giocare con la propria  fantasia e relativo contenuto del proprio frigo...:-)



venerdì 21 settembre 2012

Pan brioche senza impasto




Quest'inverno, girando per il web, avevo adocchiato questa ricetta ed è stato subito "feeling". Ho girato un po'per i blog che avevano già postato questa brioche e ho così ho "rubato" un po' qui, un po'là; l'imput finale, però, me l'ha dato Manuela. Domenica scorsa ci siamo sentite al telefono; non avevo capito bene se le ore che doveva rimanere in frigorifero (l'impasto, non Manuela), dipendeva dalla lievitazione o dal tempo che uno ha a disposizione...:-)
Lei mi ha chiarito le idee. Non dipende dalla lievitazione: può rimanere in frigo dalle 24 ore fino a 5 giorni. Ho seguito il suo consiglio; 48 ore sono perfette. Grazie Manu. Una brioche facilissima e dire molto buona, è piuttosto riduttivo. L'unico problema, se così si può chiamare, è la lunga lievitazione; In realtà basta calcolare bene i tempi ed è semplicissima. Addirittura, dopo averla fatta raffreddare (ormai era tardi per fare le foto), dentro un sacchetto di carta, l'ho messa in congelatore. Tolta martedì mattina, fatte le foto il pomeriggio, messa poi in una scatola a chiusura ermetica e questa mattina abbiamo mangiato le ultime fette, ancora morbidissime...uno spettacolo!!!



lunedì 17 settembre 2012

Involtini con e di...melanzane... vegetariani e non



Accontentare tutti non è sempre facile ma, si sa, per i figli si fa tutto. Diverse volte ho detto di aver un figlio vegetariano e gli altri componenti della famiglia onnivori, anzi, carnivori. Avevo nel frigo delle fettine di lonza e le ultime melanzane dell'orto; avevo anche delle fette di "mortazza"...cosa faccio? Ho messo in moto il mio cervellino (ultimamente un pò statico) oltre ad usufruire dello zampino di mia sorella Marisa. Dopodichè, ho usato quello che avevo in frigo...;-)



giovedì 13 settembre 2012

Caprese bianca a modo mio

 


Un dolce che appaga tutti. Mia nipote (la figlia di mia figlia), ha imparato la ricetta e ormai non chiede più a sua madre di farla; è così semplice che la fa da se e la porta a tutte le feste. Contiene il limoncello ma il calore del forno brucia l'alcool e così, il dolce, lo possono mangiare anche i bambini.



lunedì 10 settembre 2012

Fregola risottata con verdure




Quando partiamo per le vacanze devo stare attenta a come riempio la valigia, specialmente se si parte con l'aereo. Mio marito mi tormenta: "stai attenta al peso, altrimenti lasci i vestiti in albergo". Al ritorno, le valigie sono stracolme di cibo. Quando siamo andati in Sardegna, al ritorno, quasi perdevamo l'aereo per sistemare le cibarie nelle giuste borse. Abbiamo portato delle cose buonissime, tra cui la fregola che qui in Friuli non credo di riuscire a trovare; l'ho centellinata e gli ultimi 250 gr li ho usati  così.



giovedì 6 settembre 2012

Quanti modi di fare e rifare...La focaccia dolce di sciùra Maria


 

Il tempo passa veloce e, purtroppo, siamo arrivati alla fine dell'estate. Vacanze finite!!! (per chi le ha fatte), e noi "ragazze" ci apprestiamo ad accendere il nostro caro e fedele amico: il forno!...;-) Questa volta, con la Cuochina e le sue ideatrici Anna e Ornella, ci riuniamo nella cucina di Vittoria, per preparare assieme la focaccia dolce di sciùra Maria.
 Un dolce che, con minimo impegno, dà grosse soddisfazioni. La mia focaccia non ha "visto" la notte; mio marito ed io siamo appena riusciti ad assaggiare un angolino (il resto se n'è andato dopo il passaggio degli Unni di famiglia!). Che dire: buonissima. Come sempre, ho fatto delle piccole modifiche. Metto gli ingredienti della ricetta originale e le mie modifiche tra parentesi e in rosso. Il procedimento è il mio, l'originale Qui



lunedì 3 settembre 2012

Radiatori con melanzane



Cosa pensavate? I radiatori che ho condito con le melanzane, non sono altro che un tipo di pasta. Un formato che amo adoperare per la pasta fredda. Questo condimento, in realtà, nasce per la pasta calda, ma consumata anche fredda  ho scoperto che era altrettanto buonissima.

 

Ingredienti per 3 persone:
Pasta  300 gr
Melanzane 250 gr
Pomodorini datterini o ciliegini 200 gr
Aglio 1 spicchio
Peperoncino q.b (a piacere)
Olio e.v.o 3 cucchiai
Pane grattugiato 2 cucchiai
Formaggio grattugiato (facoltativo)
Sale
Olio e.v.o a piacere
Procedimento:
Pelate le melanzane e tagliatele a cubetti. In una padella antiaderente con 3 cucchiai d'olio, fate soffriggere lo spicchio di aglio e il peperoncino tagliato a fettine. Quando sono rosolati ma non scuri toglieteli e aggiungete le melanzane. Rosolatele e quando sono quasi cotte mettete anche i pomodorini tagliati a metà (avevo i miei).Togliete dalla pentola le verdure e aggiungete a fuoco medio 2 cucchiai di pane grattugiato, rosolatelo e rimettete le verdure. Aggiustate di sale. Nel frattempo avrete lessato la pasta lasciandola al dente, aggiungetela nella padella del sugo con un mestolo di acqua della stessa e finite la cottura. Spegnete, aggiungete olio a crudo e...buon appetito!!!...;-)







martedì 28 agosto 2012

Pomodori ripieni di riso con patate

 
Questa ricetta, è risaputo, sia romana. E' altrettanto risaputo che io amo la cucina "italian fusion". Perché fusion?...ma perchè la ricetta è romana...e i pomodori sono friulani...;-). Per onestà, premetto che i pomodori delle foto del procedimento e quelli del piatto finito non sono gli stessi. I primi erano dello scorso anno, provenienti dall'orto di mia sorella (dei "cuore di bue"); quelli del piatto finito, invece, erano dell'orto della mia amica Liliana. Questa è una ricetta che faccio almeno 3 volte, in estate; quest'anno, con 'sto caldo infernale, l'ho fatta una sola volta; pomodori ce ne sono ancora, mi rifarò. Il riso che utilizzo è l'originario, ma trovo anche ricette con riso parboiled o con riso per risotto. Diciamo che io preferisco questo. Solitamente uso 3 cucchiai di riso per pomodoro, ma siccome non erano tutti uguali ho preferito pesarlo.



venerdì 24 agosto 2012

Clafoutis di pesche noci gluten free


 

L'ho sempre detto: non si finisce mai d'imparare. Mai avrei detto che, cambiando utensile per la cottura dello stesso cibo, cambiasse anche la consistenza e addirittura il gusto. Avevo ancora pesche-noci del mio albero e così ho fatto un clafoutis nella teglia quadrata e 6 cocottine. Sembravano due dolci diversi. Quello della teglia era più, come dire, "tortoso"? Le cocottine invece, si erano gonfiate in cottura (come potete vedere nella foto) e sono risultate molto morbide; da mangiare con il cucchiaino. Non saprei dire quali delle due ho gradito di più. Una consistenza diversa ma entrambe da rifare.



martedì 21 agosto 2012

Pasticcio (lasagne) con zucchine e pesto



Penso di averlo già detto ma, ripeto, qui in Friuli tutto quello che è fatto con la pasta (qualsiasi formato), con qualsiasi ripieno e  messo in forno, viene chiamato pasticcio. Detto questo, faccio un'altra riflessione: senza dubbio i puristi del pesto saranno inorriditi dal fatto che l'ho cotto, ma onestamente, a me e alla famiglia piace molto. Il pesto era fatto a modo mio (non classico). Le dosi che ho fatto erano per 12-15 persone (a seconda dell'appetito dei commensali). Le zucchine possono variare nella quantità, in base ai gusti personali. La mia pasta era comperata, non aveva bisogno di essere lessata; se voi siete più brave la potete fare fresca.

Ingredienti per 12 persone (affamate)
Lasagne 500 gr
Zucchine 850 gr da cotte
Pesto 1 vasetto
Ricotta 300 gr (la mia era di capra)
Latte q.b (se necessario)
Yogurt 1 vasetto 125 gr (se necessario)
Formaggio grattugiato q.b
Cipolla 1 
Prezzemolo
Sale 
Olio e.v.o
Procedimento: 
Pulite e tagliate a dadini le zucchine. In una padella antiaderente, con qualche cucchiaio d'olio extravergine,  brasate una cipolla e aggiungete le zucchine; cuocetele lasciandole piuttosto al dente; alla fine aggiungete il prezzemolo tritato e aggiustate di sale. Preparate la besciamella.
 In una terrina mescolate la besciamella, il pesto,  la ricotta e le zucchine. Se l'impasto vi sembra troppo denso, fate come me; aggiungete il latte (io ne ho aggiunto ½ litro e un vasetto di yogurt). Se volete la preparazione più cremosa, potete aggiungere della panna fresca al posto dello yogurt. Iniziate a fare gli strati in una teglia. Foderate il fondo della stessa con qualche cucchiaiata di impasto, mettete i fogli di pasta, il ripieno e così fino alla fine degli ingredienti.Finite con il ripieno e con una spolverata di  formaggio grattugiato (il mio era montasio stravecchio). Mettete in forno preriscaldato a 180-200° per circa 1 ora o finchè si sarà formata una crosticina dorata.

 







Questa ricetta va alla raccolta di Betty




mercoledì 8 agosto 2012

Frittelle di zucchine


 

La scorsa settimana volevo fare queste frittelle; non ricordando il peso degli ingredienti, ho cercato la ricetta sul blog e...niente da fare (ero convintissima di averla postata). Dopo lunghe ricerche, eccola spuntare tra le mie ricette cartacee contrassegnate come: "ricette da postare"... Sarà il caldo, sarà l'età...mah!
Ingredienti per 24 frittelle:
Zucchine 4 (400 gr)
Farina di grano tenero 0 175 gr
Lievito istantaneo per torte salate 1 cucchiaino
Uova 2
Sale q.b
Olio per friggere


domenica 5 agosto 2012

Torta alle pesche e cioccolato bianco



 Stessi ingredienti...due procedimenti.
 Come il solito parto da una ricetta e poi, per diversi motivi, in fase di lavoro "trasformo". Questa volta sono partita da questache ho fatto molte volte e con molta soddisfazione. Per questo motivo vi rimando all'originale.
Poi: uno non ama la cioccolata fondente (non la sopporta proprio), uno è celiaco, aggiungiamo il  fatto che dovevo fare una torta per più persone e, appunto, volevo fare una torta unica. La prima volta ho fatto il procedimento come l'originale con i miei ingredienti; buonissima, ma ... si rompeva tutta la crosta. Metto tutti e due i procedimenti e anche il risultato delle due torte. Vi assicuro buonissime entrambe. Premetto che l'ho fatta con le pesche e anche con le pesche noci. La prossima volta la farò con le pesche noci del mio albero...tiè!



sabato 28 luglio 2012

Filetti di trota con pesto ai pomodorini sott'olio





Quando il mio vicino di casa mi ha omaggiato di due trote favolose, pescate da lui nel fiume, nella mia testa si è accesa una lampadina... Avevo mangiato, poco tempo fa (in un ristorante che serve prevalentemente trota), questo piatto che ho cercato di riprodurre. Non voglio essere immodesta ma al marito è piaciuto anche di più. Detto questo, vi svelo la mia ricetta.
Ingredientix 2 persone:
Trote 2 o 4 filetti
Pomodorini secchi sott'olio 10
Basilico 10 foglie
Pane grattugiato 30 gr più qualche cucchiaiata da mettere sopra



Olio e.v.o 3 cucchiai per il pesto
Parmigiano o grana padano 15 gr
Il succo di ½ limone
Olio q.b per la teglia
Sale q.b
Procedimento:

 
Nel mixer mettete i pomodorini asciugati dall'olio, il basilico, il formaggio grattugiato, 3 cucchiai d'olio e il pane grattugiato.Tritate finemente il tutto. In una teglia unta con l'olio e.v.o,mettete i filetti dopo averli ben puliti; dividete e mettete sopra il pesto; cospargete con il pane grattugiato, irrorate il tutto con un filo d'olio e il succo di limone. Mettete in forno preriscaldato a 200° per circa 10 minuti.(Ho messo 5 minuti sotto il grill)
 Come contorno ho servito delle zucchine e delle carote passate in padella con un filo d'olio e lasciate piuttosto al dente.

 Auguro un buon fine settimana a tutti


martedì 24 luglio 2012

Insalata di riso con la ratatouille




Dopo mille peripezie, ecco ritrovata la normalità (spero). Torno dall'Austria, ritemprata e decisa ad aggiornare il blog...ma... "puff" il pc è andato, non si accende. Risolviamo il problema (non del tutto ) e la serenità famigliare viene oscurata da eventi spiacevoli. Ora, spero che, davvero, tutto torni alla normalità. Ma, come si suol dire, "the show must go on" e dunque passiamo alle note dolci (e salate) della cucina. Sotto con la ricetta:...:-)
Un insalata di riso insolita, ma devo convenire che è risultata molto gradevole, oltre che "light". Non metto la quantità degli ingredienti perchè possono variare a piacere; se si abbonda, e rimane ratatouille, quest'ultima si può servire come contorno o come ho fatto io si può condire la pasta.



mercoledì 11 luglio 2012

Auf wiedersehen

 

E' con un pizzico di rammarico, ma anche con una punta di piacere che vi annuncio che abbasso le serrande del mio blog per una settimana. Eh si, ho deciso di arieggiare la mente e rinfrescare i pensieri tra le valli Austriache per alcuni giorni. Mi raccomando non gioite troppo. IL tempo di un respiro e tornerò tra voi, con nuova energia e spirito frizzante. (Spero!).

Auf wiedersehen


venerdì 6 luglio 2012

Quanti modi di fare e rifare... le ciambelline demodè con giulebbe




 Anche questa volta sono arrivata sul filo di lana. Qui il caldo è opprimente; ero indecisa se partecipare o meno questo mese all'iniziativa di Quanti modi di fare e rifare della cuochina e delle sue ideatrici: Anna e Ornella. Comunque, mi sento talmente legata a questo appuntamento che ho deciso di immolarmi per una giusta causa ;-). Ho fatto "copia incolla"  della ricetta di Emanuela e, in rosso, ho messo le mie modifiche, che a dire la verità sono poche (ho solo ridotto come quantità gli ingredienti).



lunedì 2 luglio 2012

Carbonara vegetariana a modo mio


 

Con questo caldo non si sa cosa mettere in tavola. D'altra parte quando vengono a "trovarti" i figli , dovrai pur nutrirli! Avevo delle zucchine grigliate e dei pezzetti di buccia (sempre di zucchina) avanzate da una precedente preparazione e così ho deciso di approfittarne e di preparare questa pasta. Chiamarla carbonara, lo so, ha poco senso, visto che manca il guanciale, ma avendo a pranzo il vegetariano, me le devo inventare tutte; per questo dico: a modo mio. Non ho pesato le zucchine; lascio a voi decidere quante ne volete mettere.